Scheda pubblicazione

Babele N. 12 - Capitolo uno

Marcus Nolde

Babele N. 12 - Capitolo uno


L'autore non consente il download


PDF
 
  4
  33
Categoria:
Non Lo So
Pagine:
16
Data pub:
03 Marzo 2017
"Mi hanno lasciato in questa stanza spoglia, con appena una scheggia di luce, tanto flebile che pareti, mobili, suppellettili, e anche l'aria, si fondono in una miscela fosca e malinconica. Che tristezza! Ma io ho voglia di ridere, perbacco!".
Sono parole del protagonista dell'ultimo romanzo di Marcus Nolde, Babele N.12, in cui vi sono tutti gli elementi del dramma: la fusione di tragedia e commedia, il contrasto tra l'individuo e l'ambiente sociale che ruota intorno a lui e gli si manifesta in toni ostili, la tragicità dell'esistenza e gli inevitabili momenti comici in essa contenuti.
Enzo, così si chiama il primo attore, non dimostra particolari qualità, è un uomo comune, e quanto di più scontato è il suo cognome, come si scopre avanzando nella lettura. È un piccolo imprenditore che, nell'ultimo disperato tentativo di risollevare la propria azienda in crisi, intraprende un breve viaggio d'affari in cui ripone grandi speranze.
Quando è quasi prossimo alla meta, un evento quanto mai insolito lo fa deviare dal proprio percorso, costringendolo a trovare rifugio per la notte all'interno di un agglomerato urbano, a metà tra la città e la campagna, un luogo sconosciuto e che per tutto il romanzo rimarrà senza nome.
I personaggi che incontra sono stravaganti, per molti versi sgradevoli, persino violenti. Enzo si ritrova, senza che ne abbia colpa, in una situazione paradossale che, nonostante le stranezze, è verosimile e non augurabile a nessuno. È calato in una realtà dove esistono regole strampalate, che sono applicate a suo danno, e lo costringono in quel luogo da cui farà di tutto per fuggire.
La narrazione si sviluppa dal pomeriggio della domenica fino al mattino dopo, con un salto temporale in avanti a partire dal terzultimo capitolo in cui compaiono nuovi personaggi, invisibili fino a quel momento. In seguito cambia la chiave di lettura del romanzo. Quanto si è letto in precedenza assume un significato diverso: azioni intraprese, descrizioni di oggetti, sensazioni del protagonista, che possono essere sembrate insolite e bizzarre, si rivelano agli occhi di chi legge in tutta la loro crudele verità e realtà e danno significato al poco comprensibile titolo del romanzo.

link

Video presentazione

Commenta


  Loading...

Babele N. 12 - Capitolo uno