Scheda pubblicazione

Il riflesso della vita (scritta in collaborazione con Chiara Cianci)

Christian Stifano

Il riflesso della vita (scritta in collaborazione con Chiara Cianci)


L'autore non consente il download


PDF
 
  5
  60
Categoria:
Poesia
Pagine:
1
Data pub:
06 Aprile 2018
Poesia scritta in collaborazione con Chiara Cianci.

Questo componimento vuole esplicare, attraverso l’immagine evocativa del mare, lo scorrere incessante del tempo e, nel contempo, della vita umana, così misteriosa e criptica, a tratti materna e a volte matrigna.
Le quattro quartine scandiscono i diversi momenti della vita dell'uomo, l'ultima strofa, invece, vuole sintetizzare il fulcro centrale della poesia.

Significato quartine:

1. Rappresenta l’animo umano; facendo riferimento al mare, si vuol rappresentare da una parte l'animo puro, sereno e candido di cuore che non teme alcuna tempesta; dall'altra l'animo turbato ed inquieto a causa delle proprie paure, tensioni ed ansie: non vivendo bene con sé stesso, è facile che si lasci trasportare per inerzia dalla corrente del mare.

2. Rappresenta la capacità dell’uomo di rinascere dalle proprie ceneri e di risollevarsi, per poi ricadere e ancora ridestarsi; come il mare, mediante il movimento delle onde, si depura e porta a riva i detriti, così l’uomo riesce a purificarsi dentro, ricominciando un nuovo giorno con altri occhi e un altro spirito.

3. Rappresenta i momenti di quiete e di subbuglio interiori, che nella vita si alternano in maniera molto latente, senza che l’occhio e la mente possano accorgersene; c’è sempre un leggero dondolio di sottofondo che da un momento all’altro potrebbe diventare un'onda furiosa, infrangendosi contro la scogliera con tutta la sua violenza.

4. Rappresenta la remissività dell’uomo di fronte al suo destino; la linea sfocata che si intravede all'orizzonte sintetizza il senso e la meta alla quale ciascuno di noi anela. Per quanto la mente possa prefissarsi un chiaro obiettivo, quell’orizzonte rimarrà sempre e comunque una sfumatura del suo desiderio, talvolta irraggiungibile.

Gli ultimi due versi, infine, raccontano il topos dell'intero componimento poetico: la presa di coscienza che il nostro io più profondo non è altro che il risultato del nostro passato e del nostro vissuto, che han formato le nostre membra e che rimarranno incisi a vita in noi, come cicatrici.

Commenta


  Loading...

Il riflesso della vita (scritta in collaborazione con Chiara Cianci)